INFORMATIVA BREVE

La informiamo che, per migliorare la sua esperienza dinavigazione su questo sito web, Aulss 9 Scaligera utilizza diversi tipi di cookie, tra cui:
Cookie di tipo funzionale alla navigazione (functionality cookie); Cookie di tipo pubblicitario (advertisng cookie); Cookie di tipo statistico (performance cookie); che consentono di accedere a dati personali raccolti durante la navigazione. Nella pagina della Informativa Estesa che può consultare QUI sono presenti le istruzioni per negare il consenso all’installazione di qualunque cookie. Cliccando su “ACCETTA” o continuando la navigazione, saranno attivati tutti i cookie specificati nell’informativa Estesa ai sensi degli artt. 13 e 14 Re.to UE 2016/679 ACCETTA
> > CHIRURGIA DI PRECISIONE PRESSO IL REPARTO DI OTORINOLARINGOIATRIA DEL MATER SALUTIS DI LEGNAGO.

CHIRURGIA DI PRECISIONE PRESSO IL REPARTO DI OTORINOLARINGOIATRIA DEL MATER SALUTIS DI LEGNAGO.

Pubblicato il venerdì 19 Gennaio 2018
L’Unità Operativa di Otorinolaringoiatria dell’Ospedale “Mater Salutis” di Legnago, diretta dal dott. Francesco Fiorino, ha compiuto un ulteriore passo per migliorare  l’offerta sanitaria in ambito ORL per la popolazione della provincia di Verona. Nel costante sforzo di innovazione clinica e tecnologica, grazie al supporto della Direzione dell’ULSS 9 Scaligera, il reparto ORL si è recentemente dotato di due tipologie di laser che sono utilizzate principalmente nel trattamento delle neoplasie della testa e del collo, in particolare dei tumori del naso, della faringe e della laringe. Questi costituiscono circa il 4% di tutti i tumori maligni. I fattori di rischio principali sono fumo ed alcol, anche se negli ultimi anni sta emergendo il ruolo dell’infezione da papillomavirus specialmente nelle neoplasie dell’orofaringe.
In Veneto si stimano circa 1.240 nuovi casi ogni anno di tumori della testa e del collo, di cui il 75% nei maschi, a fronte di 9.500 nuovi casi diagnosticati ogni anno in Italia. I tumori tiroidei, anch’essi oggetto di particolare attenzione presso il reparto ORL di Legnago, rappresentano un capitolo a parte per le peculiari caratteristiche di questa patologia. I tumori della tiroide colpiscono, ogni anno in Italia, 14 donne su 100mila e 4 uomini ogni 100mila.
La tecnologia laser consente di effettuare procedure chirurgiche sempre più precise, conservative, mini-invasive e meglio tollerate dai pazienti, cui consegue la riduzione dei costi umani (in termini di sofferenza e tempi di degenza) ed economici. Molti interventi a carico  della laringe e della faringe  che un tempo venivano effettuati “a cielo aperto” con incisione cutanea, attualmente vengono praticati con approccio trans-orale, che in molti casi consente di risparmiare organi e tessuti altrimenti destinati a un danno irreversibile e talvolta mutilante.
L’ORL di Legnago si pone pertanto come centro di riferimento per il trattamento delle neoplasie della testa e del collo, anche in virtù della stretta collaborazione con le altre Unità Operative e in particolar modo quelle di Oncologia, Radioterapia e Anatomia Patologica. A supporto di questa attività è stato attivato un gruppo oncologico provinciale che include  varie specialità dei tre presidi ospedalieri principali dell’ULSS 9 Scaligera (Legnago, San Bonifacio, Bussolengo) e  che si riunisce periodicamente per discutere del trattamento delle neoplasie di pertinenza ORL. 
L’impiego della chirurgia laser non si limita all’ambito oncologico, essendo utilizzata a Legnago nella microchirurgia dell’otosclerosi, una comune patologia, più frequente nelle donne, che porta al blocco della staffa, la più piccola struttura ossea del nostro corpo, e alla conseguente diminuzione uditiva. L’uso del laser a CO2 elimina molte delle variabili individuali legate alla procedura chirurgica manuale e rende più sicuro e preciso il trattamento. Si conferma in tal modo l’impegno del reparto ORL di Legnago nella lotta alla sordità che trova il suo fronte più avanzato nella riabilitazione uditiva bionica dei soggetti con grave danno uditivo. Questa consiste nell’applicazione chirurgica di un impianto cocleare, un dispositivo di alta  tecnologia che per la prima volta è stato applicato più di due anni fa anche presso l’Ospedale di Legnago. Si tratta di un vero e proprio orecchio artificiale che consente di riabilitare persone affette da sordità severa o profonda. Il centro di Legnago si situa come punto di attrazione nell’implantologia cocleare, immediatamente dopo le grandi realtà delle Aziende Ospedaliere-Universitarie di Padova e Verona.

 
Condividi questa pagina: