INFORMATIVA BREVE

La informiamo che, per migliorare la sua esperienza dinavigazione su questo sito web, Aulss 9 Scaligera utilizza diversi tipi di cookie, tra cui:
Cookie di tipo funzionale alla navigazione (functionality cookie); Cookie di tipo pubblicitario (advertisng cookie); Cookie di tipo statistico (performance cookie); che consentono di accedere a dati personali raccolti durante la navigazione. Nella pagina della Informativa Estesa che può consultare QUI sono presenti le istruzioni per negare il consenso all’installazione di qualunque cookie. Cliccando su “ACCETTA” o continuando la navigazione, saranno attivati tutti i cookie specificati nell’informativa Estesa ai sensi degli artt. 13 e 14 Re.to UE 2016/679 ACCETTA
> > DANNI DA CANNABIS IN ADOLESCENZA

DANNI DA CANNABIS IN ADOLESCENZA

Pubblicato il venerdì 29 Novembre 2019 Martedì 17 dicembre, dalle ore 8.45 alle 13.15, presso il palazzo della Gran Guardia a Verona è in programma il convegno "Danni da cannabis in adolescenza: Maturazione Cerebrale, Vulnerabilità, Dipendenza e Processi Preventivi/Terapeutici". L'evento, organizzato dal Dipartimento Dipendenze dell'ULSS 9 Scaligera, è rivolto ad assistenti sanitari, assistenti sociali, educatori, infermieri, medici, psicologi.

L’iscrizione è obbligatoria e gratuita per gli aventi diritto ECM (operatori AULSS 9 Scaligera), iscrivendosi online 
dal portale della formazione entro il 13 dicembre. Gli esterni possono partecipare al workshop come uditori, iscrivendosi presso la segreteria tramite posta elettronica.

Il fenomeno dell’uso di sostanze nelle fasce adolescenziali è cambiato molto negli ultimi anni, assumendo caratteristiche molto diversificate da quelle presenti non più tardi di cinque anni fa. Le variazioni sociali e culturali, quelle del mercato della droga e la comparsa di nuove sostanze, nonché le modalità di consumo e l’associazione di sostanze, hanno comportato una forte differenziazione dello scenario generale. Di conseguenza, è necessario adattare i modelli di intervento per renderli più coerenti ed efficaci alle nuove problematiche. Soprattutto per quanto riguarda la cannabis e i suoi derivati, le condizioni sono profondamente variate e i consumatori si trovano di fronte a sostanze molto diverse da quelle che erano sul mercato qualche anno fa. Basti pensare alle nuove piantagioni coltivate con metodi intensivi e alla selezione di specie in grado di produrre più alte concentrazioni di principio attivo THC e con una riduzione del cannabidiolo che, come noto, possiede un’azione antipsicotica. Non ultima, la comparsa sul mercato di cannabinoidi sintetici ancora più pericolosi e molto poco conosciuti, anche dagli stessi consumatori, nella loro potenzialità tossicologica.
 
Documenti collegati
Tipo fileNome fileDimensioneAzioni
pdfBrochure Convegno[107.3 KB]SCARICA
Condividi questa pagina: