INFORMATIVA BREVE

La informiamo che, per migliorare la sua esperienza dinavigazione su questo sito web, Aulss 9 Scaligera utilizza diversi tipi di cookie, tra cui:
Cookie di tipo funzionale alla navigazione (functionality cookie); Cookie di tipo pubblicitario (advertisng cookie); Cookie di tipo statistico (performance cookie); che consentono di accedere a dati personali raccolti durante la navigazione. Nella pagina della Informativa Estesa che può consultare QUI sono presenti le istruzioni per negare il consenso all’installazione di qualunque cookie. Cliccando su “ACCETTA” o continuando la navigazione, saranno attivati tutti i cookie specificati nell’informativa Estesa ai sensi degli artt. 13 e 14 Re.to UE 2016/679 ACCETTA
> > I tumori femminili nella realtà dell’ULSS 9. Palazzo della Gran Guardia, 16 e 17 Novembre.

I tumori femminili nella realtà dell’ULSS 9. Palazzo della Gran Guardia, 16 e 17 Novembre.

Pubblicato il mercoledì 15 Novembre 2017
Il Convegno “I tumori femminili nella realtà dell’AULSS 9: aspetti clinici e organizzativi”, che si svolge nelle giornate di giovedì 16 e venerdì 17 novembre presso il Palazzo della Gran Guardia di Verona, nasce dalla collaborazione degli specialisti dell’ULSS 9, dell’Azienda Ospedaliera Universitaria Integrata di Verona e di altre Regioni italiane. Ha lo scopo di fare il punto sulle moderne metodiche diagnostiche e terapeutiche a disposizione delle pazienti senza trascurare aspetti sociali, culturali e psicologici quali l’importanza dell’alimentazione e degli stili di vita, nel definire il rischio di ammalare di cancro, il ruolo delle cure di supporto e palliative, le conseguenze a lungo termine della malattia e dei trattamenti sulla qualità della vita delle pazienti, l’impatto economico del trattamento farmacologico. Complessivamente sono stati coinvolti una cinquantina di relatori e moderatori.
Secondo il Registro Tumori del Veneto ogni anno nel territorio dell’AULSS 9 sono diagnosticati circa 1100 nuovi casi di tumori femminili maligni: 850 tumori della mammella, 150 dell’utero, 80 dell’ovaio. Sono neoplasie maligne che presentano un grado diverso di complessità in rapporto alla sede di origine, allo stadio e all’età della paziente, ma tutte richiedono l’intervento coordinato di un team multidisciplinare e multi-professionale. Per quanto riguarda il carcinoma della mammella i requisiti strutturali, professionali e di percorso necessari per garantire alla paziente il trattamento ottimale sono ben codificati e sono stati elaborati da “EUSOMA” (European Society of Breast Cancer Specilists) e in seguito recepiti dal Parlamento europeo, da quello italiano e dalla Regione Veneto portando alla creazione delle cosiddette “Breast Unit” e al processo di certificazione delle stesse.  La Breast Unit dell’AULSS 9 ha ottenuto la certificazione EUSOMA nel corso di quest’anno e al momento è l’unica certificata EUSOMA in Veneto.
Al Convegno in Gran Guardia partecipa anche un illustre oncologo proveniente dagli USA: l’italo-americano Franco Muggia della New York University, uno dei padri della moderna oncologia medica e famoso esperto di oncologia ginecologica. La segreteria scientifica è stata curata da Andrea Bonetti (UOC di Oncologia Medica e Direttore Clinico della Breast Unit Ospedale di Legnago), Cesare Romagnolo (UOC di Ostetricia e Ginecologia Ospedale di San Bonifacio) e Daniele Caprara (Ufficio Qualità Ospedale di Legnago).



 
Condividi questa pagina: