INFORMATIVA BREVE

La informiamo che, per migliorare la sua esperienza dinavigazione su questo sito web, Aulss 9 Scaligera utilizza diversi tipi di cookie, tra cui:
Cookie di tipo funzionale alla navigazione (functionality cookie); Cookie di tipo pubblicitario (advertisng cookie); Cookie di tipo statistico (performance cookie); che consentono di accedere a dati personali raccolti durante la navigazione. Nella pagina della Informativa Estesa che può consultare QUI sono presenti le istruzioni per negare il consenso all’installazione di qualunque cookie. Cliccando su “ACCETTA” o continuando la navigazione, saranno attivati tutti i cookie specificati nell’informativa Estesa ai sensi degli artt. 13 e 14 Re.to UE 2016/679 ACCETTA
> > Arriva Youpol. La polizia lancia la app contro bullismo e droga.

Arriva Youpol. La polizia lancia la app contro bullismo e droga.

Pubblicato il lunedì 21 Maggio 2018
Segnalazioni anonime e geolocalizzate, direttamente alla polizia di Stato per affrontare la piaga del bullismo e quella dello spaccio di droga. E questo l'obiettivo di Youpol, la app lanciata anche a Verona, che consente alla polizia di intervenire in tempo reale. L'applicazione, attiva in tutta Italia, può anche permettere una chiamata di emergenza al 113. La app contro i bulli e lo spaccio è gestita dalla questura e la polizia potrà intervenire in tempo reale. La nuova app della polizia di Stato è scaricabile direttamente sullo smartphone, consente di inviare segnalazioni alla sala operativa della questura (dove c'è un operatore dedicato) su episodi di bullismo o di traffico di stupefacenti. Si tratta di un progetto rivolto soprattutto ai ragazzi, ma chiunque ne può usufruire. Ora, dopo un anno di sperimentazione, dapprima a Roma , Milano e Catania e successivamente allargata ai capoluoghi di regione, l'applicazione è attiva in tutta Italia. L'applicazione, scaricabile da Apple Store e Play Store e compatibile con tutti i sistemi operativi, permette di inviare segnalazioni, foto, video ma anche materiale informatico reperito sul web, relative, appunto, a bullismo e spaccio di droga. Le segnalazioni possono essere inviate in modo anonimo, senza quindi lasciare traccia. È questa la forma più apprezzata dai più giovani, spesso restii a indicare apertamente i comportamenti violenti dei compagni di scuola. Oppure ci si può registrare accreditandosi con indirizzo mail e i propri dati. Solo in questo secondo caso si può ricevere la conferma della presa in carico della comunicazione e si conserva lo storico di quanto inviato nel tempo. La app dà inoltre la possibilità di effettuare una chiamata di emergenza al 113 se le circostanze lo richiedano. Le segnalazioni vengono geolocalizzate, consentendo così alla polizia di individuare in tempo reale il luogo degli eventi. YouPol, sottolinea la polizia di Stato, nasce per consentire a ogni cittadino, giovane e meno giovane, di partecipare alle attività di prevenzione e di miglioramento della qualità della vita.

 
Condividi questa pagina: