INFORMATIVA BREVE

La informiamo che, per migliorare la sua esperienza dinavigazione su questo sito web, Aulss 9 Scaligera utilizza diversi tipi di cookie, tra cui:
Cookie di tipo funzionale alla navigazione (functionality cookie); Cookie di tipo pubblicitario (advertisng cookie); Cookie di tipo statistico (performance cookie); che consentono di accedere a dati personali raccolti durante la navigazione. Nella pagina della Informativa Estesa che può consultare QUI sono presenti le istruzioni per negare il consenso all’installazione di qualunque cookie. Cliccando su “ACCETTA” o continuando la navigazione, saranno attivati tutti i cookie specificati nell’informativa Estesa ai sensi degli artt. 13 e 14 Re.to UE 2016/679 ACCETTA
> > DONNE IN ROSA: NON TIRIAMO I REMI IN BARCA

DONNE IN ROSA: NON TIRIAMO I REMI IN BARCA

Pubblicato il martedì 28 Maggio 2019 I medici specialisti del gruppo senologico dell'Ospedale di Villafranca – la cui Unità oncologica è diretta dalla Dr.ssa Marta Zaninelli – si fanno partner degli sportivi del gruppo Dragon Boat in eventi di sensibilizzazione sul carcinoma mammario che si svolgeranno nell'ambito delle manifestazioni del Palio del Chiaretto.

Venerdi 31 maggio, alle 19, presso la Sala Consiliare a Villa Carrara Bottagisio di Bardolino, serata divulgativa sui benefici dell'esercizio fisico nel recupero dopo la diagnosi e la terapia di tumore al seno. Viene illustrato il progetto di avviamento a questo sport per le donne operate che lo desiderino, segnalando l'importanza dell'attività fisica nell'ambito del recupero dopo la malattia. Saranno presenti le testimoni storiche di questa esperienza e cioè la squadra Florence Dragon Lady e il Gruppo UGO (Unite Gareggiamo Ovunque) di Padova.

Domenica mattina  2 giugno, sfida non competitiva tra le formazioni in rosa provenienti da varie parti d'Italia, che affiancherà la manifestazione agonistica.

In Italia le donne che si ammalano ogni anno sono circa 50.000; si ritiene che una donna ogni otto possa esserne colpita, diventando protagonista di una lotta che coinvolge corpo e mente, famiglia ed affetti. Per migliorare le possibilità di guarigione, che si attestano comunque intorno al 90%, è necessario effettuare la diagnosi in fase asintomatica (possibile solo attraverso lo screening mammografico) ed essere accolte in un percorso diagnostico-terapeutico organizzato, nel quale non essere mai lasciate sole.
 
Documenti collegati
Tipo fileNome fileDimensioneAzioni
pdfLocandina donne in rosa 05-2019[854.77 KB]SCARICA
Condividi questa pagina: