I cookie ci aiutano a migliorare la vostra esperienza di navigazione. Continuando ad utilizzare il sito internet fornite il vostro consenso al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy. Accetto Info
> > OTTOBRE ROSA. CANCRO ALLA MAMMELLA Certificazione europea per il Breast Centre del Mater Salutis

OTTOBRE ROSA. CANCRO ALLA MAMMELLA Certificazione europea per il Breast Centre del Mater Salutis

giovedì 05 Ottobre 2017
Equipe_Bonetti.jpgIl Centro Senologico dell’Ospedale di Legnago ha ottenuto la certificazione EUSOMA (European Society of Breast Cancer Specialists), Società scientifica europea fondata da Umberto Veronesi con il fine di migliorare la cura delle donne affette da carcinoma della mammella, tuttora la principale causa di morte per cancro nelle donne nei Paesi industrializzati: in Italia ogni anno sono diagnosticati circa 50.000 nuovi casi mentre nella provincia di Verona sono diagnosticati ogni anno più di 800 nuovi casi di cancro alla mammella.
Il processo di certificazione EUSOMA identifica una serie di criteri necessari per ottenere la denominazione di “Certified Breast Centre”; tra questi la collaborazione di professionisti (radiologi, anatomo-patologi, chirurghi, chirurghi plastici, oncologi, radioterapisti, genetisti, fisiatri, psicologi, infermiere, etc.) dedicati alla cura delle pazienti con cancro alla mammella che interagiscono in modo da garantire un approccio multidisciplinare, il trattamento di un numero di casi annuo sufficiente a favorire l’acquisizione e il mantenimento di un’adeguata esperienza, la disponibilità di tutti i servizi che sono necessari per il trattamento della paziente nelle diverse fasi della malattia (sia iniziale che avanzata, inclusa la palliazione), un adeguato sistema informatizzato di raccolta dei dati con un Data Manager dedicato che consenta la valutazione periodica, anche a distanza, dei dati inseriti.
Oltre a questo è fondamentale che il Breast Centre identifichi un Direttore Clinico responsabile e che i casi siano discussi in meeting multi-disciplinari a cadenza almeno settimanale. Il Breast Centre deve adottare e mettere in pratica un adeguato numero di linee guida riconosciute di validità internazionale, attivare corsi di aggiornamento e di insegnamento, inserire una elevata percentuale di pazienti in studi clinici, dedicare una particolare cura all’informazione e ai bisogni della paziente. EUSOMA sottolinea anche l’importanza della collaborazione del Breast Centre con le associazioni di volontariato e delle attività di “patrocinio” per la prevenzione, screening, diagnosi, cura e follow up.
Il processo che ha portato alla certificazione (ottenuta in data 19 maggio) è iniziato molti anni fa e si è inizialmente caratterizzato per la collaborazione informale fra i clinici coinvolti e ha portato come primo passo all’elaborazione di un protocollo diagnostico-terapeutico ospedaliero recepito dalla Direzione aziendale. In novembre il Breast Centre dell’Ospedale di Legnago è stato sottoposto ad “audit” da parte di specialisti EUSOMA provenienti dall’Italia e da  altri Paesi Europei.
La certificazione riguarda il Breast Centre nel suo complesso, ma anche i singoli professionisti dedicati alla cura del cancro della mammella. Per ottenere la certificazione gli specialisti devono documentare di eseguire nel corso dell’anno un numero minimo di procedure (per esempio, nel caso del chirurgo almeno 50 interventi per cancro della mammella come primo operatore, per il radiologo aver letto in un anno almeno 1000 mammografie, 5000 se il radiologo esegue anche esami di screening etc.).
Al momento, nel software del Breast Centre (alimentato dal settembre 2014) sono inseriti i dettagli clinici di circa 500 pazienti, aggiornati periodicamente. In questo modo, quando un numero sufficiente di pazienti sarà stato seguito per un periodo di tempo adeguato, sarà possibile ricavare dei dati sull’esito a medio e lungo termine dei trattamenti eseguiti, un’informazione abitualmente difficile da ottenere.
Il Breast Centre dell’Ospedale di Legnago è il primo a ottenere questa certificazione nella Regione Veneto, mentre in Italia sono stati certificati fino ad ora solamente 15 Centri. E’ un risultato importante, ottenuto grazie ad un grosso lavoro di equipe che ha visto la collaborazione e la partecipazione entusiastica dei professionisti coinvolti, dei responsabili del controllo di gestione e della qualità.


 
Condividi questa pagina:
Documenti allegati
Rassegna stampaPropone il monitoraggio quotidiano di un ampio numero di testate giornalistiche locali e nazionali Guarda adesso