I cookie ci aiutano a migliorare la vostra esperienza di navigazione. Continuando ad utilizzare il sito internet fornite il vostro consenso al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy. Accetto Info

Unità Operativa Complessa Lungodegenza

 

Direttore: Dottoressa Margherita Azzini

Contatti

Sede

  • indirizzo: Via Circonvallazione San Bonifacio
 

L'Unità Operativa dispone di posti letto per degenza ordinaria.
La Lungodegenza assiste in regime di ricovero pazienti di diversa tipologia, in relazione al loro bisogno prevalente e alla complessità assistenziale:

  • Riabilitazione motoria estensiva, ortopedica e neurologica
  • Riattivazione globale del paziente anziano con pluripatologia e prevenzione complicanze

In Lungodegenza vengono trasferite dalle Unità Operative di degenza le persone che hanno superato la fase acuta della malattia, ma che hanno ancora bisogno di un periodo di permanenza in Ospedale per cure e/o riabilitazione. L’accesso alla Lungodegenza si attiva su indicazione dello specialista del reparto ospedaliero di degenza.

Sono accolti pazienti non ancora stabilizzati che necessitano di assistenza infermieristica qualificata e di un notevole grado di tutela medica, pazienti stabili che tuttora necessitano di assistenza infermieristica di tipo continuativo e pazienti stabili con necessità di intervento riabilitativo di tipo estensivo.

DIRETTORE: Dr.ssa Margherita Azzini

Equipe
Dr. LUIGI GUGLIELMO

Dr.ssa FRANCESCA MARINO

Dr.ssa CLAUDIA BENATI

Dr. MARCO CAZZADORI

Dr.ssa FABIANA CORSINI

Dr.ssa ELISA NESTA

 

Coordinatore: Sig.ra SARAH TOMMASI

L’accesso alla Lungodegenza si attiva su richiesta dello specialista del reparto ospedaliero di degenza, e viene valutata dallo staff medico del reparto che ne conferma i criteri di appropriatezza al ricovero.

Il processo assistenziale e riabilitativo del paziente è garantito dalla sua presa a carico globale effettuata dal team multidisciplinare composto dal medico internista o geriatra, dal personale infermieristico e di supporto, dal medico fisiatra e dai fisioterapisti. Viene elaborato un Piano Terapeutico Assistenziale in cui vengono specificate le aree di intervento, i programmi attuativi e gli obiettivi attesi.

Il percorso assistenziale e terapeutico coinvolge in prima persona il paziente stesso e la sua famiglia, concordando precocemente l’inserimento post dimissione a domicilio, con eventuale prescrizione e fornitura degli ausili necessari, o, qualora se ne ravvisasse la necessità, nella rete territoriale protetta.

Le attività assistenziali rivolte ai pazienti consentono un ampia fascia oraria per le visite dei familiari. L’accesso è consentito tutti i giorni:
 

dalle 11:30 alle 14:00 e

dalle 16:00 alle 21:00
 

In caso di particolari necessità assistenziali è possibile che il personale chieda ai familiari ed amici di attendere in sala d’attesa.

Solo in casi eccezionali, per i pazienti bisognosi di assistenza, previo accordo con il medico referente e il coordinatore infermieristico, un familiare potrà rimanere accanto al paziente anche al di fuori dei suddetti orari. È buona norma non affollare le camere di degenza durante le visite di amici e parenti e ai bambini di età inferiore a 12 anni è consigliato non frequentare l’Ospedale

Ultimo aggiornamento: 26/04/2017
Condividi questa pagina: