INFORMATIVA BREVE

La informiamo che, per migliorare la sua esperienza dinavigazione su questo sito web, Aulss 9 Scaligera utilizza diversi tipi di cookie, tra cui:
Cookie di tipo funzionale alla navigazione (functionality cookie); Cookie di tipo pubblicitario (advertisng cookie); Cookie di tipo statistico (performance cookie); che consentono di accedere a dati personali raccolti durante la navigazione. Nella pagina della Informativa Estesa che può consultare QUI sono presenti le istruzioni per negare il consenso all’installazione di qualunque cookie. Cliccando su “ACCETTA” o continuando la navigazione, saranno attivati tutti i cookie specificati nell’informativa Estesa ai sensi degli artt. 13 e 14 Re.to UE 2016/679 ACCETTA
> > > ll Direttore di Distretto

ll Direttore di Distretto

 

 

Direttore: Dott. Roberto Borin

Contatti

Sede

  • indirizzo: Via Poloni 1 37122 Verona
 
Al Direttore del Distretto competono le funzioni di:
  • conseguimento di obiettivi di risultato, di attività e di risorse concordati ed assegnati al Distretto, in sede di contrattazione di budget con la Direzione Generale;
  • organizzazione dei servizi sanitari, socio-sanitari e sociali propri del Distretto;
  • coordinamento delle necessarie collaborazioni ed organizzazione delle risorse affinché il medico di assistenza primaria e il pediatra di libera scelta svolgano il proprio ruolo di referente-unico per l’assistito;
  • utilizzo dello strumento del budget per definire gli obiettivi e monitorare i relativi indicatori;
  • perseguire gli obiettivi di risultato attribuiti alle UU.OO. distrettuali e alle Medicine di Gruppo Integrate organizzando, coerentemente con la programmazione strategica, i servizi e le risorse, nonché monitorandone l’implementazione.


Il Direttore del Distretto garantisce la funzione direzionale attraverso:
  • analisi dei bisogni (lettura ed interpretazione);
  • conoscenza dell'offerta (geografia dei servizi socio-sanitari, potenzialità di risposta, conoscenza dei ruoli professionali in un'ottica di community care management team);
  • pianificazione e programmazione dei servizi (integrazione dei diversi attori del territorio, istituzionali e non, analisi dei rischi);
  • negoziazione (obiettivi, budget, contratti di esercizio con la medicina convenzionata);
  • gestione delle risorse (analisi e razionalizzazione dei processi organizzativi, ottimizzazione dell'impiego delle tecnologie, dei beni e dei servizi a disposizione, gestione dei rischi);
  • valutazione i risultati (monitoraggio e valutazione delle performance, comunicazione dei risultati raggiunti nella logica del “rendere conto” sull’utilizzo delle risorse e sugli obiettivi conseguiti);
  • decisioni in merito all'impiego del personale assegnato al Distretto. (misure di riequilibrio in ordine al fabbisogno di risorse);
  • gestione, entro il budget prefissato, degli istituti economici contrattuali quali il lavoro straordinario, la retribuzione di risultato, la pronta disponibilità e la formazione permanente del personale;
  • supporto alla direzione aziendale nei rapporti con i Sindaci del proprio Distretto (art. 3-sezies, comma 1, D. Lgs. N. 502/92 e s.m.i.);
  • mantenimento dei rapporti esterni con persone ed Enti afferenti al territorio di competenza;
  • individuazione e proposta alla direzione aziendale di incarichi dirigenziali del Distretto sulla base delle indicazioni dei Direttori delle UU.OO.CC..
Nello staff del Distretto sono presenti le figure professionali infermieristiche e specialistiche che, in collaborazione con il Medico di Medicina Generale e il Pediatra di libera scelta, garantiscono la copertura costante e completa dell'assistenza sanitaria, con la presa in carico di tutte le necessità socio sanitarie dell'assistito.
Il Distretto, attraverso le Unità Operative e i Servizi che lo compongono, garantisce le seguenti attività:
  • Servizi amministrativi: sportelli ai quali rivolgersi per informazioni e per l'espletamento di pratiche amministrative quali: rilascio e rinnovo di Tessere Sanitarie, esenzioni, assistenza sanitaria all'estero e la prenotazione di visite specialistiche ed esami strumentali;
  • Servizi Disabilità: forniscono informazioni e interventi a favore delle persone con disabilità, sia nel loro ambiente di vita che in riferimento ai servizi residenziali e semi-residenziali;
  • Servizi per l’infanzia, l’adolescenza, gestanti e difficoltà di coppia: i consultori si occupano sia della parte medica che di quella psico-sociale, sia in situazioni di disagio che in momenti particolari come la gravidanza e il puerperio, con possibilità di mediazioni linguistiche nei casi che lo richiedano. In collaborazione con gli enti territoriali ed educativi si gestiscono anche le segnalazioni di situazioni di maltrattamenti e/o disagi riguardanti l’età evolutiva e adolescenziale.  Sono, inoltre presenti servizi dedicati alle difficoltà legate alle diverse tappe della crescita;
  • Servizi di ausilio alle difficoltà di apprendimento in età evolutiva: vengono gestite le segnalazioni di servizi educativi e territoriali riguardo alle difficoltà di apprendimento in età evolutiva, con particolare attenzione alle necessità scolastiche;
  • Assistenza ai malati cronici, anziani e persone che accedono al servizio di cure palliative: nelle Centrali organizzative presenti nelle sedi principali del Distretto, viene elaborato con l’equipe distrettuale integrata dal medico di medicina generale del paziente il progetto assistenziale individuale, garantendo l’erogazione di cure domiciliari, fornitura di ausili e dispositivi sanitari, necessari a garantire la permanenza a domicilio del paziente in sicurezza e in totale presa in carico. Le cure palliative vengono prestate con la consulenza del palliativista, che integra l’equipe composta da medico di medicina generale e infermiere, assicurando la possibilità di cure in Hospice nei casi di difficile gestione domiciliare. Per i bisogni di cure nelle fasi post-ricovero o di riacutizzazione di patologie croniche, gestisce l’assistenza anche nell’Ospedale di Comunità, al fine di favorire il recupero delle capacità psico-fisiche del paziente con l’obiettivo di ritorno al proprio domicilio.
Semiresidenzialità e Residenzialità: il Distretto gestisce le modalità di accesso alla rete dei Centri di Servizi per l'erogazione di prestazioni residenziali e semiresidenziali, previa richiesta dell’interessato e la valutazione multidimensionale e multiprofessionale dell’equipe distrettuale denominata UVMD.
Attività specialistica presso i poliambulatori distrettuali
Fanno capo al Distretto 1 Verona Città le seguenti Unità Operative:
  • U.O. Complessa Cure Primarie
  • U.O. Complessa Infanzia adolescenza e famiglia
  • U. O. Semplice Attività specialistica
  • U.O. Semplice Dipartimentale Sanità Penitenziaria
  • U.O. Semplice Malattie Infettive
Vedi Carta dei Servizi Distretto 1
Dal Lunedi al venerdì: 8.30-12.30 previo appuntamento al n° 045 8075543 - 8076171

 

Direttore: Dott. Roberto Borin

Contatti

Sede

  • indirizzo: S. Bonifacio, via Circonvallazione, 1
 
Il Distretto rappresenta l'articolazione finalizzata a realizzare l’integrazione tra i diversi servizi sanitari, socio-sanitari e socio-assistenziali, in modo da assicurare una risposta coordinata e continua ai bisogni della popolazione.
Il Direttore del Distretto garantisce la funzione direzionale attraverso:
  • analisi dei bisogni (lettura ed interpretazione);
  • conoscenza dell'offerta (geografia dei servizi socio-sanitari, potenzialità di risposta, conoscenza dei ruoli professionali in un'ottica di community care management team);
  • pianificazione e programmazione dei servizi (integrazione dei diversi attori del territorio, istituzionali e non, analisi dei rischi);
  • gestione delle risorse (analisi e razionalizzazione dei processi organizzativi, ottimizzazione dell'impiego delle tecnologie, dei beni e dei servizi a disposizione, gestione dei rischi);
  • valutazione i risultati (monitoraggio e valutazione delle performance, comunicazione dei risultati raggiunti nella logica del “rendere conto” sull’utilizzo delle risorse e sugli obiettivi conseguiti);
Nello staff del Distretto sono presenti le figure professionali infermieristiche e specialistiche che, in collaborazione con il Medico di Medicina Generale e il Pediatra di libera scelta, garantiscono la copertura costante e completa dell'assistenza sanitaria, con la presa in carico di tutte le necessità socio sanitarie dell'assistito.
Il Distretto, attraverso le Unità Operative e i Servizi che lo compongono, garantisce le seguenti attività:
  • Servizi amministrativi: sportelli ai quali rivolgersi per informazioni e per l'espletamento di pratiche amministrative quali: rilascio e rinnovo di Tessere Sanitarie, esenzioni, assistenza sanitaria all'estero e la prenotazione di visite specialistiche ed esami strumentali;
  • Servizi Disabilità: forniscono informazioni e interventi a favore delle persone con disabilità, sia nel loro ambiente di vita che in riferimento ai servizi residenziali e semi-residenziali;
  • Servizi per l’infanzia, l’adolescenza, gestanti e difficoltà di coppia: i consultori si occupano sia della parte medica che di quella psico-sociale, sia in situazioni di disagio che in momenti particolari come la gravidanza e il puerperio, con possibilità di mediazioni linguistiche nei casi che lo richiedano. In collaborazione con gli enti territoriali ed educativi si gestiscono anche le segnalazioni di situazioni di maltrattamenti e/o disagi riguardanti l’età evolutiva e adolescenziale.  Sono, inoltre presenti servizi dedicati alle difficoltà legate alle diverse tappe della crescita;
  • Servizi di ausilio alle difficoltà di apprendimento in età evolutiva: vengono gestite le segnalazioni di servizi educativi e territoriali riguardo alle difficoltà di apprendimento in età evolutiva, con particolare attenzione alle necessità scolastiche;
  • Assistenza ai malati cronici, anziani e persone che accedono al servizio di cure palliative: nelle Centrali organizzative presenti nelle sedi principali del Distretto, viene elaborato con l’equipe distrettuale integrata dal medico di medicina generale del paziente il progetto assistenziale individuale, garantendo l’erogazione di cure domiciliari, fornitura di ausili e dispositivi sanitari, necessari a garantire la permanenza a domicilio del paziente in sicurezza e in totale presa in carico. Le cure palliative vengono prestate con la consulenza del palliativista, che integra l’equipe composta da medico di medicina generale e infermiere, assicurando la possibilità di cure in Hospice nei casi di difficile gestione domiciliare. Per i bisogni di cure nelle fasi post-ricovero o di riacutizzazione di patologie croniche, gestisce l’assistenza anche nell’Ospedale di Comunità, al fine di favorire il recupero delle capacità psico-fisiche del paziente con l’obiettivo di ritorno al proprio domicilio.
Semiresidenzialità e Residenzialità: il Distretto gestisce le modalità di accesso alla rete dei Centri di Servizi per l'erogazione di prestazioni residenziali e semiresidenziali, previa richiesta dell’interessato e la valutazione multidimensionale e multiprofessionale dell’equipe distrettuale denominata UVMD.
 
Cfr Carta dei servizi del Distretto 2
Dal Lunedi al venerdì: 8.30-12.30 previo appuntamento al n° 045-6138422

 

Direttore: Dott. Dario Zanon

Contatti

Sede

  • indirizzo: Via C. Gianella, 1 – 45021 – Legnago - VR
 
Al Direttore del Distretto competono le funzioni di:
  • conseguimento di obiettivi di risultato, di attività e di risorse concordati ed assegnati al Distretto, in sede di contrattazione di budget con la Direzione Generale;
  • organizzazione dei servizi sanitari, socio-sanitari e sociali propri del Distretto;
  • coordinamento delle necessarie collaborazioni ed organizzazione delle risorse affinché il medico di assistenza primaria e il pediatra di libera scelta svolgano il proprio ruolo di referente-unico per l’assistito;
  • utilizzo dello strumento del budget per definire gli obiettivi e monitorare i relativi indicatori;
  • di risultato attribuiti alle UU.OO. distrettuali e alle Medicine di Gruppo Integrate organizzando, coerentemente con la programmazione strategica, i servizi e le risorse, nonché monitorandone l’implementazione.
Il Direttore del Distretto garantisce la funzione direzionale attraverso:
  • analisi dei bisogni (lettura ed interpretazione);
  • conoscenza dell'offerta (geografia dei servizi socio-sanitari, potenzialità di risposta, conoscenza dei ruoli professionali in un'ottica di community care management team);
  • pianificazione e programmazione dei servizi (integrazione dei diversi attori del territorio, istituzionali e non, analisi dei rischi);
  • negoziazione (obiettivi, budget, contratti di esercizio con la medicina convenzionata);
  • gestione delle risorse (analisi e razionalizzazione dei processi organizzativi, ottimizzazione dell'impiego delle tecnologie, dei beni e dei servizi a disposizione, gestione dei rischi);
  • valutazione i risultati (monitoraggio e valutazione delle performance, comunicazione dei risultati raggiunti nella logica del “rendere conto” sull’utilizzo delle risorse e sugli obiettivi conseguiti);
  • decisioni in merito all'impiego del personale assegnato al Distretto. (misure di riequilibrio in ordine al fabbisogno di risorse);
  • gestione, entro il budget prefissato, degli istituti economici contrattuali quali il lavoro straordinario, la retribuzione di risultato, la pronta disponibilità e la formazione permanente del personale;
  • supporto alla direzione aziendale nei rapporti con i Sindaci del proprio Distretto (art. 3-sezies, comma 1, D. Lgs. N. 502/92 e s.m.i.);
  • mantenimento dei rapporti esterni con persone ed Enti afferenti al territorio di competenza;
  • individuazione e proposta alla direzione aziendale di incarichi dirigenziali del Distretto sulla base delle indicazioni dei Direttori delle UU.OO.CC..
Direttore dott. Dario Zanon – Segreteria: Caterina Calonego; Laura Maragno.

 

Direttore: Dott. Dario Zanon

Contatti

Sede

  • indirizzo: Sede Polifunzionale – Via Carlo Alberto Dalla Chiesa – Bussolengo
 
Al Direttore del Distretto competono le funzioni di:
  • conseguimento di obiettivi di risultato, di attività e di risorse concordati ed assegnati al Distretto, in sede di contrattazione di budget con la Direzione Generale;
  • organizzazione dei servizi sanitari, socio-sanitari e sociali propri del Distretto;
  • coordinamento delle necessarie collaborazioni ed organizzazione delle risorse affinché il medico di assistenza primaria e il pediatra di libera scelta svolgano il proprio ruolo di referente-unico per l’assistito;
  • utilizzo dello strumento del budget per definire gli obiettivi e monitorare i relativi indicatori;
  • di risultato attribuiti alle UU.OO. distrettuali e alle Medicine di Gruppo Integrate organizzando, coerentemente con la programmazione strategica, i servizi e le risorse, nonché monitorandone l’implementazione.
Il Direttore del Distretto garantisce la funzione direzionale attraverso:
  • analisi dei bisogni (lettura ed interpretazione);
  • conoscenza dell'offerta (geografia dei servizi socio-sanitari, potenzialità di risposta, conoscenza dei ruoli professionali in un'ottica di community care management team);
  • pianificazione e programmazione dei servizi (integrazione dei diversi attori del territorio, istituzionali e non, analisi dei rischi);
  • negoziazione (obiettivi, budget, contratti di esercizio con la medicina convenzionata);
  • gestione delle risorse (analisi e razionalizzazione dei processi organizzativi, ottimizzazione dell'impiego delle tecnologie, dei beni e dei servizi a disposizione, gestione dei rischi);
  • valutazione i risultati (monitoraggio e valutazione delle performance, comunicazione dei risultati raggiunti nella logica del “rendere conto” sull’utilizzo delle risorse e sugli obiettivi conseguiti);
  • decisioni in merito all'impiego del personale assegnato al Distretto. (misure di riequilibrio in ordine al fabbisogno di risorse);
  • gestione, entro il budget prefissato, degli istituti economici contrattuali quali il lavoro straordinario, la retribuzione di risultato, la pronta disponibilità e la formazione permanente del personale;
  • supporto alla direzione aziendale nei rapporti con i Sindaci del proprio Distretto (art. 3-sezies, comma 1, D. Lgs. N. 502/92 e s.m.i.);
  • mantenimento dei rapporti esterni con persone ed Enti afferenti al territorio di competenza;
  • individuazione e proposta alla direzione aziendale di incarichi dirigenziali del Distretto sulla base delle indicazioni dei Direttori delle UU.OO.CC..
Direttore Dott. Dario Zanon - Segreteria sig.ra Gelmini Nicoletta
 
Ultimo aggiornamento: 04/02/2019