INFORMATIVA BREVE

La informiamo che, per migliorare la sua esperienza dinavigazione su questo sito web, Aulss 9 Scaligera utilizza diversi tipi di cookie, tra cui:
Cookie di tipo funzionale alla navigazione (functionality cookie); Cookie di tipo pubblicitario (advertisng cookie); Cookie di tipo statistico (performance cookie); che consentono di accedere a dati personali raccolti durante la navigazione. Nella pagina della Informativa Estesa che può consultare QUI sono presenti le istruzioni per negare il consenso all’installazione di qualunque cookie. Cliccando su “ACCETTA” o continuando la navigazione, saranno attivati tutti i cookie specificati nell’informativa Estesa ai sensi degli artt. 13 e 14 Re.to UE 2016/679 ACCETTA
> > Questionario di valutazione dell'Ambiente Interno

Questionario di valutazione dell'Ambiente Interno

Il Codice di comportamento dei dipendenti pubblici (approvato con D.P.R. 16 aprile 2013, n.62 e pubblicato sulla G.U.R.I. del 4 giugno 2013 ed entrato in vigore il 19/06/2013) definisce i doveri minimi di diligenza, lealtà, imparzialità e buona condotta che i pubblici dipendenti sono tenuti ad osservare ed abroga il decreto del Ministro per la funzione pubblica del 28 novembre 2000 recante "Codice di comportamento dei dipendenti delle pubbliche amministrazioni", pubblicato nella Gazzetta Ufficiale n. 84 del 10 aprile 2001.
Si evidenzia che l’adozione del Codice etico e di comportamento (codice), da parte delle Amministrazioni, rappresenta una delle fondamentali misure obbligatorie e trasversali introdotte dalla legge n.190/2012 e dal Piano Nazionale Anticorruzione (P.N.A.).
L’Azienda ULSS n. 9 Scaligera - nel rispetto delle indicazioni impartite dal legislatore nazionale e dall’Autorità Nazionale Anticorruzione - ha provveduto a predisporre la proposta di “Codice Etico e di Comportamento” aziendale ai sensi dell’articolo 1, comma 2, del Codice di comportamento dei dipendenti pubblici (approvato con DPR 16 aprile 2013, n. 62) il quale dispone che le sue previsioni siano integrate e specificate da quelle dei codici di comportamento adottati dalle singole amministrazioni (ai sensi dell'articolo 54, comma 5, del decreto legislativo 30 marzo 2001, n. 165).
Ai fini di dare pieno adempimento alla misura obbligatoria trasversale di contenimento dei rischi di frode introdotta con il Piano Triennale della Prevenzione della Corruzione e della Trasparenza si rende necessario valutare il grado di diffusione e di applicazione del codice medesimo attraverso un questionario di autovalutazione.
Il questionario in argomento è parte integrante del “Piano Triennale della prevenzione della corruzione e della Trasparenza anni 2018-2020”, giusta deliberazione n. 62 del 31.01.2018.
Infatti il PTPCT di cui sopra, per avere una visione “dell’Ambiente Interno” tradotta da indicatori tangibili ha previsto di effettuare una periodica auto valutazione attraverso un questionario di domande relative ai diversi fattori che influenzano “l’Ambiente Interno”.
L’Ambiente interno, che costituisce l’identità essenziale di un’organizzazione, determina i modi in cui il rischio è considerato e affrontato dalle persone che operano in azienda, come pure la filosofia della gestione del rischio, i livelli di accettabilità del rischio, l’integrità e i valori etici e l’ambiente di lavoro in generale.
L’ Ambiente Interno definito anche Ambiente di Controllo riguarda gli individui, le loro qualità individuali, e soprattutto la loro integrità, i loro valori etici e la loro competenza e l’ambiente nel quale operano, argomenti che sono l’essenza stessa di qualsiasi organizzazione.
Essi sono il motore che aziona l’azienda e le fondamenta su cui essa poggia. L’ambiente di controllo è un elemento fondamentale della cultura di un’organizzazione, poiché determina il livello di sensibilità del personale alla necessità di controllo. Esso costituisce le fondamenta di tutti gli altri componenti del controllo interno e fornisce disciplina e organizzazione."
 
Ultimo aggiornamento: 27/06/2018
 
Ricerca nel sito